COME UNA NOTTE A BALI di Gianluca Gotto

recensione

Questo libro è un romanzo scritto da Gianluca Gotto, autore del blog mangia vivi viaggia. Si vede che è scritto sulla base di una propria esperienza personale e che Bali la conosce bene.

UNA VITA NORMALE

Il protagonista si chiama Luca, conduce una vita “normale” da impiegato in banca e precisamente come centralinista per le assistenze telefoniche. Ha un buono stipendio, dei buoni orari e una bella ragazza con cui convive in un appartamento. Una vita tranquilla a cui molti aspirerebbero.

Passano i mesi e gli anni e si accorge che però sta vivendo una vita monotona e che non lo rende soddisfatto, in particolare passa le ore ascoltando le lamentele dei clienti al telefono chiuso in un ufficio con tante altre persone che non si conoscono e che sono solo dei numeri per l’azienda.

Si rende conto che sta lavorando tutta la settimana per aspettare quell’unico giorno, il sabato, in cui fare festa e bere con gli amici ed uscire a ballare con la ragazza oppure andare a giocare a calcetto con gli amici, l’unica gioia che gli rimane.

Si rende anche conto che in realtà la sua ragazza, Sara, non la ama veramente ma ci sta assieme per comodità: per il sesso, la condivisione dell’appartamento, le uscite ecc…

LA SVOLTA

Si sente sempre più un automa che ripete le sue azioni quotidiane sopprimendo la sua anima. A un certo punto però succede un fatto strano in ufficio: si vede specchiato in scrivania e vede la sua sofferenza nel suo sguardo… Capisce che deve cambiare qualcosa, ha un malore.

Da lì in poi succede una serie di eventi che lo portano a mollare tutto e tutti e a partire per una destinazione a “caso”, Bali.

BALI

A Bali prende in mano la sua vita e incomincia a esplorare l’isola cercando i luoghi e le esperienze che fanno da balsamo guaritore per la sua anima. 

Incontra per “caso” una ragazza che pulisce una spiaggia dai rifiuti e se innamora a prima vista, non solo per l’aspetto fisico ma soprattutto per il carattere.

Da qui iniziano una serie di avventure per ritrovarla che lo porteranno a cambiare vita e a ritrovare se stesso più felice.

IL SIGNIFICATO DEL TITOLO

E qui arriviamo a capire il perché di questo titolo: Come una notte a Bali. Si riferisce alla sensazione di pace e rigenerazione che prova Luca dormendo a Bali, una sensazione che non provava da tanto tempo e che si era dimenticato. Vivendo sempre con l’ansia e seguendo la frenesia della vita cittadina si accorge che invece a Bali, seguendo i ritmi naturali, dorme fisso e si sveglia presto ma fresco ed entusiasta di affrontare la giornata.

COSA MI HA LASCIATO

Questo libro mi ha trasmesso tanto entusiasmo ed energia per cambiare l’inerzia della mia vita e non arrendermi a quello che dovrebbe e conviene essere ma a cercare la mia strada.

Avevo già voglia di andare a Bali e questo libro è stata una conferma.

Oltre a ciò mi ha dato speranza che una relazione d’amore con un’altra persona possa veramente esistere, che l’importante non è solo l’aspetto fisico ma soprattutto il carattere dell’altro e la sintonia di intenti.

Questa storia di Luca mi fa riflettere su quante persone sacrificano la propria vita che è unica per seguire gli schemi che da la società per avere successo: un buon e sicuro lavoro, una casa e una bella ragazza.

Mi ha insegnato che spesso bisogna buttarsi, pendere dei rischi e perseverare in quelle cose che ci scaldano il Cuore perché anche se a raccontarle sembrano non avere senso logico, poi sono quelle che ti fanno uscire dagli schemi e che ti danno più gioia.

Infine mi è piaciuto molto il capitolo finale in cui l’autore condivide i suoi pensieri ed insegnamenti riguardo all’amore e al perdono di se stessi e al lasciare andare i fastidi, l’odio e i rancori per gli altri per vivere meglio.

Consiglio questo libro soprattutto ai viaggiatori e spiriti liberi che si sentono bloccati in una vita che non s’addice. Questo libro vi farà viaggiare con la mente e sarà una boccata d’aria fresca per la vostra anima.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *